China Vanke

Nel cuore di EXPO 2015

Modelli Stampa 3D | Prototipi Stampa 3D
Architettura | Stampa 3D & Manifattura Additiva

China Vanke

Cliente : Bodino Engineering Srl

Anno : 2015

Tempo di sviluppo : 1 Mesi

<strong>EXPO 2015</strong> ha orientato su Milano gli occhi del mondo intero. Il <strong>China Vanke Pavillion</strong>, con le sue forme plastiche, ispirate alla figura del dragone rosso, ha costituito una delle icone più rappresentative.

L'opera è il risultato di uno sforzo eccezionale, che parte dal genio di <strong>Daniel Libeskind</strong> e si realizza grazie alla tecnica e alla produzione di <strong>Bodino Engineering</strong>.

<img class="wp-image-1183 size-full" src="http://www.protocube.it/site_2016/wp-content/uploads/2015/12/studio-libeskind_vanke-pavilion_expo-2015_chuftoncrow-01-1140x650.jpg" alt="studio-libeskind_vanke" width="1140" height="650" /> Il China Vanke Pavillion è la sintesi di una serie di metafore cinesi, tra cui lo Shitang e il dragone, cui è chiaramente ispirata la sua figura. Bodino Engineering ha coordinato e diretto la produzione, sulla base del progetto architettonico di Daniel Libeskind (foto Hufton+Crow - Studio Libeskind).

Nella <strong>storia dell'architettura</strong>, il plastico ha sempre rappresentato un momento essenziale. Anticipare la realizzazione con un modello in scala ridotta consente al progettista di valutarne la spazialità e al pubblico di comprendere i caratteri dell'opera che verrà realizzata. In piccolo, <strong>il modello riflette tutta la complessità del manufatto architettonico</strong>.

<strong>Comunicare una visione </strong>di progetto vuol dire innanzitutto<strong> coglierne l'essenza</strong>.

La riduzione in scala è il <strong>risultato di un processo critico e selettivo</strong>, che deve coniugare l'immagine concepita dall'architetto con i vincoli fisici, imposti dalla realizzazione del modello.

<img class="aligncenter wp-image-1187 size-large" src="http://www.protocube.it/site_2016/wp-content/uploads/2015/12/vanke-front-1024x451.jpg" alt="vanke - front" width="1024" height="451" />

<img class="wp-image-1185 size-large" src="http://www.protocube.it/site_2016/wp-content/uploads/2015/12/vanke-back-1024x392.jpg" alt="vanke - back" width="1024" height="392" /> Il plastico è stato realizzato in stampa 3D full color, sulla base di un modello creato con Rhinoceros e Grasshopper.

Il modello in scala è stato funzionale ad una serie di operazioni di <strong>marketing</strong>, mirate a comunicare a <strong>Vanke</strong>, colosso cinese nel settore delle costruzioni, alcune delle particolarità che l'opera avrebbe comportato. La realizzazione doveva risultare il più possibile coerente alla forma disegnata da Libeskind, non soltanto nelle <strong>proporzioni</strong>, ma anche nelle <strong>finiture</strong>.

Uno degli aspetti essenziali che hanno caratterizzato la costruzione digitale del modello è stata la definizione del suo rivestimento, che nell'opera originale è costituita da oltre <strong>4000 piastre </strong>ceramiche, raffiguranti le<strong> scaglie del dragone</strong>.

<img class="wp-image-1184 size-large" src="http://www.protocube.it/site_2016/wp-content/uploads/2015/12/vanke-3d-montaggio-1024x293.jpg" alt="vanke - 3d montaggio" width="1024" height="293" /> Alcuni dettagli del modello 3D nelle fasi della sua esecuzione

<img class="wp-image-1190 size-large" src="http://www.protocube.it/site_2016/wp-content/uploads/2015/12/vanke-plastico-finale-1024x682.jpg" alt="vanke - plastico finale" width="1024" height="682" /> Il modello finale del China Vanke Pavillion @ EXPO Milano 2015

<img class="wp-image-1188 size-large" src="http://www.protocube.it/site_2016/wp-content/uploads/2015/12/vanke-miniature-1024x354.jpg" alt="vanke - gadget" width="1024" height="354" /> Contestualmente alla realizzazione del plastico architettonico, sono stati definiti alcuni gadget a scala ridotta.